L’appello del Presidente al quotidiano La Nazione

staff
CLONE L’appello del Presidente al quotidiano La Nazione
dicembre 12, 2015
Show all
staff

staffNella giornata di ieri, il quotidiano “La Nazione” ha pubblicato accorato un intervento del presidente della nostra associazione. Di seguito un estratto del testo che visibile interamente all’indirizzo della fonte.

L’articolo inizia con una nota di rammarico:«Noi, onlus oneste, ci stiamo rimettendo a causa delle ‘generalizzazioni’». Dopo i fatti di Roma e dell’inchiesta sulle cooperative i danni economici, e di immagine, a scapito delle cooperative oneste sono ingenti. «La generalizzazione sulle onlus, che operano nel settore dei servizi alla persona, causa gravi danni a chi, come me, lavora onestamente. Molte persone, anche durante eventi locali come la Fiera di Cascina, mi hanno fatto notare che ora come ora, solo sentir parlare di onlus provoca il loro un senso di sfiducia. Questo a causa delle notizie diffuse attraverso i media, ma il problema ha riguardato alcune regioni italiane, non tutte le onlus. Questa situazione è andata a danneggiare anche chi, come noi, operano in maniera onesta e professionale. Il tutto seguendo i canoni di una onlus, infatti i prezzi sono calmierati per essere ‘non profit’ e in seguito alle nostre prestazioni presentiamo sempre le ricevute e le fatture».

«La mia cooperativa è stata danneggiata e non poco, in particolare avendo speso più di 50mila euro di investimento per poi trovarsi in questa situazione, zero clienti a causa della sfiducia totale che si è creata. Chiediamo a tutte le istituzioni, e per conto della nostra Onlus e per tante altre cooperative Sociali onlus, che lavorano ed aiutano onestamente gli utenti e le loro famiglie di non essere messi da parte nel dimenticatoio».

L’intervento si termina aggiungendo «Si devono diffondere le notizie giuste, il polverone deve calmarsi e le persone ritornare a fidarsi delle onlus, non tutti siamo uguali. Di certo servono più vigilanza e controlli, in particolare su chi offre prezzi stracciati».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *